Attività e risultati attesi

Dopo l’elaborazione di Mappe di Posizionamento rispetto all’implementazione del GPP e la definizione di Roadmap per l’attuazione delle azioni di progetto e le sinergie con altre iniziative, ogni partner attuerà une set di azioni “Best” adeguate al proprio contesto:

  • la Regione Basilicata elaborerà il Piano d’Azione Regionale per il GPP;
  • la Regione Sardegna aggiornerà il suo Piano di Azione Regionale e lavorerà al miglioramento degli strumenti di implementazione attraverso la definizione di bandi e capitolati tipo e il confronto con i fornitori e attiverà un desk per l’implementazione del GPP;
  • la Regione Lazio elaborerà un Piano di coinvolgimento delle Agenzie e degli Enti regionali e 3 azioni pilota per l’attuazione del Piano di Azione Regionale, ovvero l’attivazione di un Help desk per il GPP, un capitolato con i criteri ambientali nel settore dei lavori pubblici, un capitolato con i criteri ambientali nel settore della ristorazione.
  • Il Ministero dell’Ambiente, dell’ Acqua e delle Foreste della Romania organizzerà tre workhsop tecnici rivolti ai funzionari pubblici, definirà un piano per la disseminazione del GPP e realizzerà un’azione pilota che dovrà portare alla pubblicazione di 3 bandi verdi.

Le azioni di progetto saranno realizzate con il coinvolgimento e il contributo di una “rete di attivatori GPPbest” costituita dai gruppi di lavoro interni a ciascuna amministrazione coinvolta.

Inoltre:

  • le Regioni italiane condivideranno un sistema di monitoraggio del GPP;
  • le Centrali di Acquisto regionali realizzeranno nove bandi verdi e adotteranno un codice per gli acquisti verdi.

A supporto di tutti gli enti pubblici nell’ambito del progetto saranno realizzati un catalogo delle migliori pratiche per pianificare e attuare una politica di GPP e delle linee guida per l’implementazione del GPP nelle sue diverse fasi (modello Plan-Do-Check-Act).