Roma, Ordine degli Architetti, Il nuovo Codice dei contratti pubblici e l’obbligo dell’integrazione dei Criteri Ambientali Minimi per l’edilizia

Si è svolto presso la Casa dell’Architettura l’incontro formativo per tutti gli architetti iscritti all’Ordine sul nuovo Codice dei Contratti pubblici che prevede l’integrazione dei CAM (Criteri Ambientali Minimi) relativi al settore edilizia nei documenti progettuali e negli atti di gara.

L’evento si inserisce nell’ambito del programma europeo LIFE e nello specifico nel Progetto GPPbest – BEST PRACTICIES EXCHANGE AND STRATEGIC TOOLS FOR GPP.

L’evento è iniziato con i saluti e l’introduzione del Presidente dell’Ordine degli Architetti di Roma e Provincia Alessandro Ridolfi che ha illustrato le azioni intraprese a sostegno dei professionisti per supportarli nelle problematiche quotidiane, illustrando il nuovo triennio formativo on line per poter completare l’aggiornamento obbligatorio a distanza e gratuitamente.

A seguire il Dott. Vito Consoli, Direttore della Direzione Regionale Ambiente e Sistemi Naturali, ha ringraziato l’Ordine degli Architetti per la collaborazione nell’ambito del progetto LIFE GPP e ha sottolineato ripetutamente come sia importante che la Pubblica Amministrazione collabori con enti, fornitori e professionisti per uno sviluppo omogeneo e una crescita condivisa nell’ottica di una collaborazione sempre più affiatata tra i vari partner.

Sono intervenuti Silvano Falocco, Fondatore e Direttore della Fondazione Ecosistemi, Dana Vocino, architetto e urbanista della Fondazione Ecosistemi, l’ingegnere Marco Gentilini e l’architetto Maria Tiziana Marcelli di LazioInnova per illustrare gli obiettivi e le azioni della politica per il GPP – Green Public Procurement, quale strumento fondamentale per una riconversione ecologica dell’economia e le specifiche tecniche previste dai Criteri Ambientali Minimi per l’edilizia del Ministero dell’Ambiente (DM 11/1/2017) che includono materiali e tecniche di costruzione a ridotto impatto ambientale.

Sono state affrontate, quindi, le modalità di introduzione delle specifiche tecniche obbligatorie e dei criteri premianti che la pubblica amministrazione è obbligata a inserire nei bandi di gara per manutenzioni, ristrutturazioni e nuova costruzione, di qualsiasi importo a base d’asta.

È stato illustrato il PAR GPP (Piano di Azione Regionale) della Regione Lazio, approvato con D.G.R. 310 del 13/06/2017, e le azioni che la Regione intende realizzare per la piena attuazione del GPP nella Regione Lazio.

Infine è stato illustrato l’inquadramento della Regione Lazio nella Strategia Europea per una crescita intelligente, POR FESR 2014-2020, che ha come obiettivo di sostenere l’efficientamento energetico: la Regione ha in programma il finanziamento di una moltitudine di progetti di questo tipo sul proprio territorio prevedendo l’impiego dei CAM.